"Non pensate alla Brexit, guardate le gambe": il sessismo british nella bufera

La prima pagina del Daily Mail con frase sessista e foto della prima ministra scozzese Nicola Sturgeon e il premier britannico Theresa May ha scatenato l'indignazione.

La prima pagina del Daily Mail

La prima pagina del Daily Mail

Claudia Sarritzu 28 marzo 2017

Non siamo in Italia e questo giornale non è Libero. Siamo nel Regno Unito, un paese abituato alle donne al potere, che ha visto sfilare nelle sue strade i movimenti femministi già dai tempi delle suffragette e che ha oggi in carica la seconda premier donna, senza dimenticare la capa dei capi: la regina Elisabetta II, capo di Stato appunto. 


Eppure ancora nel 2017 dobbiamo comprare il giornale o aprire un'applicazione internet per trovare titoli come questo: "al diavolo la brexit, chi vince se la dà a gambe" affiancata a una foto della prima ministra scozzese Nicola Sturgeon e della premier britannico Theresa Mayche che lancia un messaggio a doppio senso.


Il post della prima pagina del Daily Mail è apparso su Twitter nella notte di lunedì e, per fortuna va detto, ha incontrato la critica immediata da parte del mondo politico e ovviamente del pubblico. Tra i primi a esprimere la propria indignazione per uno scivolone così sessista e offensivo sono stati i parlamentari laburisti Harriet Harman e Yvette Cooper. L'ex spin doctor di Tony Blair, Alastair Campbell, ha etichettato il giornale “feccia assoluta” e ha esortato tutti coloro che vengono in possesso di una copia a strapparlo e gettarlo via. L'ex leader laburista Ed Miliband ha scritto su Twitter che titoli così non leggevano dagli anni "50. 


Ma torniamo a casa nostra. Quanti titoli di giornali senza essere offensivi parlano dell'abbigliamento di deputate, senatrici, ministre. Poche settimane fa mi sono imbattuta in un pezzo che ricordava Michelle Obama per i vestiti che ha indossato nei 4 anni alla Casa Bianca. Firmato da una donna. Eh sì, anche in Occidente, dove si lotta contro il velo islamico, a contare quando si tratta di una donna sono solo gambe e tette. 


Ci vorrebbe uno sciopero delle donne della redazione del Daily Mail. A meno che pure loro non siano intrappolate in una terrificante mentalità maschilista che dobbiamo prima di tutto combattere dentro di noi, donne, prima di estirparla dagli uomini.