Assalto per liberare Mosul ovest dall'Isis: 350 mila bambini a rischio

Il primo ministro iracheno, Haider al Abadi, ha dato l'annuncio della nuova battaglia

Inizia la battaglia per liberare Mosul ovest dall'Isis

Inizia la battaglia per liberare Mosul ovest dall'Isis

globalist 19 febbraio 2017

Inutile parlare di assalto finale, perché la storia insegna che cantar vittoria è facile, ma poi le cose sono sempre più complicate: il primo ministro iracheno, Haider al Abadi, ha annunciato il lancio di un'operazione militare per riprendere dallo Stato Islamico la parte ovest di Mosul ancora sotto il controllo del cosiddetto Califfato.
"Il primo ministro ha annunciato il lancio delle operazioni di liberazione della parte ovest di Mosul", ha spiegato il comunicato. Le forze federali irachene hanno lanciato a ottobre ottobre una vasta offensiva per riconquistare Mosul e hanno preso a gennaio il controllo della parte est della città, che è l'ultima roccaforte dei jihadisti dell'Isis in Iraq.
Intanto circa 350mila bambini sono sotto assedio nella parte ovest di Mosul: è il monito lanciato dall'ong britannica Save the Children, che ha chiesto alle forze irachene e ai loro alleati di "fare di tutto per proteggerli".
"Salvacondotti messi in sicurezza per i civili devono essere predisposti il più rapidamente possibile", ha insistito Maurizio Crivallero, direttore per l'Iraq dell'ong, mentre le forze irachene hanno lanciato un'operazione per riconquistare a scapito dello Stato Islamico la parte ovest della seconda città dell'Iraq.