Gerusalemme capitale: Abu Mazen richiama il rappresentante palestinese a Washington

L'ira palestinese dopo le provocazioni di Trump e la mano violenza dei soldati israeliani che hanno provocato una strage a Gaza

Proteste dei palestinesi per Gerusalemme capitale d'Israele

Proteste dei palestinesi per Gerusalemme capitale d'Israele

globalist 15 maggio 2018

Il presidente dell'Autorità palestinese Abu Mazen ha richiamato il suo alto rappresentante negli Stati Uniti in seguito alla decisione di Washington di inaugurare ieri l'ambasciata Usa in Israele a Gerusalemme. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri.
Husam Zumlot, capo della missione diplomatica a Washington, rientrerà nei territori palestinesi, recita una nota.


Il Consiglio dei diritti dell'uomo dell'Onu


Il Consiglio dei diritti dell'uomo dell'Onu si riunirà venerdì in una seduta straordinaria per esaminare "il deterioramento della situazione dei diritti dell'Uomo nei territori palestinesi occupati".
Nella riunione si parlerà anche di "Gerusalemme Est", ha affermato un portavoce del Consiglio in un comunicato. La riunione si svolgerà dalle 9:00 di venerdì nella sede Onu di Ginevra. La richiesta di una riunione straordnaria è "stata ufficialmente presentata dalla Palestina e dagli Emirati Arabi Uniti" ed è stata sostenuta da "17 Stati mmembri del Consiglio: Angola, Burundi, Cuba, Equador, Egitto, Iraq, Kirghizistan, Nigeria, Pakistan, Panama, Qatar, Arabia Saudita, Senegal, Sudafrica, Tunisia, Emirati Arabi Uniti e Venezuela". Per essere convocata la riunione deve essere sostenuta da un terzo dei 47 Paesi membri.