La comandante curda Rojda: e adesso Raqqa diventerà la città delle donne

E' lei, questa indomita ragazza curda, ad aver guidato le forze per liberare la città che era diventata il simbolo di Califfato. "Nella piazza dove i miliziani crocifiggevano i civili, faremo spuntare la pace"

La comandante Rojda Felat

La comandante Rojda Felat

globalist 20 ottobre 2017

Rojda Felat è la comandante dell'Ypj (Unità di protezione delle donne), braccio femminile del Ypg, le "unità di protezione curdo-siriane", ed è soprattutto l'ufficiale che ha guidato le operazioni militari delle Fsd nella riconquista di Raqqa. E' lei la donna che ha sconfitto l'Isis nella sua principale roccaforte. Liberare Raqqa è per Rojda soprattutto una vittoria delle donne, le principali vittime dei mercenari, un evento dunque di portata storica, un fatto simbolico fortissimo. Parlando all'agenzia di stampa curda, Rojda Felat per prima cosa ha voluto congratularsi con il popolo della Siria, con i valorosi combattenti scesi in campo per liberare una città che è un simbolo. La comandante ha voluto ricordare anche i martiri che hanno opposto resistenza ai mercenari dell'Isis. Rojda poi ha raccontato la strategia tattica-militare messa a punto.
"Per prima cosa abbiamo liberato i villaggi alla periferia di Raqqa. In questo modo siamo riusciti in breve tempo ad assediare la città da tutti i lati. Abbiamo incontrato difficoltà di non poco conto. E' stata una conquista che abbiamo pagato con la perdita di molte vite umane, martiri che si sono sacrificati per la causa. L'Isis ha fatto di tutto per fermarci: mine sul nostro cammino, auto-bombe, ma non ci siamo mai fermati, siamo riusciti ad avanzare nonostante le trappole dei mercenari. Ci sono state tecnicamente quattro fasi per liberare Raqqa che era ben fortificata, non dobbiamo dimenticare che questa città è considerata dall'Isis come la capitale del califfato. E' stata una battaglia dura. Per questo voglio ringraziare tutte le forze che hanno partecipato alla campagna, senza risparmiarsi e con grandi sacrifici, come il Consiglio militare Manbij, il Consiglio militare siriano, shams al-Shamal e le forze di supporto provenienti da Afrin, come il Jayish al-Thuwar e i Jabhet al-Kurds. Fondamentale anche il lavoro delle squadre speciali della Sfd, che hanno iniziato come piccoli gruppi di resistenza e si sono occupati prevalentemente dei civili. Hanno liberato nell'ultimo periodo circa 250-300mila persone nella zona di Raqqa".
Ma il sogno di Rojda Felat adesso è quello di trasformare la rotatoria di Jaheem in un luogo di memoria e pace. "Qui - racconta - i mercenari dell'Isis hanno ucciso decine e decine di persone. Hanno macellato e crocifisso i dissidenti, hanno venduto le donne. Noi trasformeremo questo luogo nella piazz di al-Nasr e al-Huriya (vittoria e libertà)".