Madrid celebra nella tensione la festa nazionale della Hispanidad

Re Filippo ha dato il via alle celebrazioni. Assenti il presidente della Catalogna Puigdemont e il basco Inigo Urkullu

Re Filippo alle celebrazioni della festa nazionale

Re Filippo alle celebrazioni della festa nazionale

globalist 12 ottobre 2017

Una celebrazione nazionale nel mezzo della testmpesta indipendentista, mentre il governo ipotizza di mandare l'esercito in Catalogna per ristabilire l'ordine del Puigdemont non dovesse fare u passo indietro: l'arrivo di re Felipe VI accompagnato dalla regina Letizia, dalle due figlie e dal premier Mariano Rajoy ha dato il via a Madrid alla tradizionale sfilata militare nel giorno della festa nazionale della Hispanidad. Alla sfilata dei 3800 soldati e agenti di Guardia Civil e Policia Nacional assistono fra gli altri i presidenti di tutte le Comunità autonome (regioni) meno il catalano Carles Puigdmeont e il basco Inigo Urkullu che tutto si sentono fuoché ispanici.
Infatti oltre 100 comuni catalani non hanno chiuso oggi per la festa nazionale spagnola della Hispanidad. Fra i principali centri che non aderiscono alle celebrazioni spagnole le città di Girona e Badalona.

A Barcellona tuttavia c'è stato un corteo festoso aperto da uno striscione che recitava: "Catalogna sì, Spagna anche". Durante la marcia gli Unionisti hanno protestato contro i Mossos d'Esquadra al grido di 'traditori', mentre altri hanno intonato canzoni come la popolarissima di Manolo Escobar 'Que viva España.