De Magistris tuona contro il patto M5s-Lega: mi sembra un vento di destra

Il sindaco di Napoli sta lavorando al progetto del suo movimento politico DeMa: allearmi con Salvini è l'ultima cosa a cui potrei pensare

De Magistris e Varoufakis

De Magistris e Varoufakis

globalist 12 maggio 2018

Tempo orsono Grillo e Casaleggio senior lo avevano corteggiato. Ma lui rifiutò. Da allora il sindaco di Napoli ha sempre guardato con distanza e diffidenza i grillini. Sentimenti accentuati dopo il possibile patto con quel Salvini che definiva “colerosi e terremotati” i napoletani.

Adesso un’alleanza con la Lega e con Matteo Salvini è "l'ultima cosa che potrei pensare nella mia vita". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine di un incontro a Salerno. Per il primo cittadino partenopeo, l'intesa tra M5S e Lega "mi sembra un vento di destra".
Ospite a un'iniziativa di un consigliere comunale d'opposizione di Salerno, città considerata roccaforte del 'governatore' campano, Vincenzo De Luca, de Magistris sottolinea di non immaginare la seconda città della Campania "come un feudo". Con De Luca, "siamo su posizioni completamente diverse rispetto al modo di governare, di rapportarsi, di parlare e di intendere la politica", spiegando di non essere a Salerno per cercare alleanze con De Luca "ma alternative", fermi restando i rapporti istituzionali su cui, ha ribadito, "lavoro ogni giorno per poter avere un rapporto istituzionale migliore con De Luca. Le istituzioni devono dialogare".
Dopo aver lasciato Salerno, l'ex magistrato ha raggiunto la vicina Eboli per inaugurare una nuova sede del suo movimento politico. Secondo lui, DeMa "ha dimostrato di saper coniugare a Napoli rivoluzione, che significa rottura del sistema, e affidabilità di governo".