Strangola la fidanzata e vaga tutta la notte con il corpo nell'auto

Francesco Mazzega ha ucciso la 21enne Nadia Orlando e solo la mattina si è costituito alla polizia.

Polizia

Polizia

globalist 1 agosto 2017

Un femminicidio dai dettagli agghiaccianti quello che si è consumato nella notte a Palmanova, in provincia di Udine.


Un 36enne di Spilimbergo si è presentato infatti in mattinata al Comando della Polizia stradale locale con il cadavere della sua fidanzata in auto. L'uomo, Francesco Mazzega, avrebbe confessato di aver strangolato la ragazza, la 21enne Nadia Orlando. Dopo l'omicidio ha vagato per ore in auto, con il corpo della donna sul sedile anteriore. Poi, questa mattina, si è costituito. Entrambi lavoravano all'azienda Lima di San Daniele del Friuli, specializzata in protesi ortopediche, e si dovevano presentare a lavoro martedì mattina alle 9.00, dove ovviamente non sono mai arrivati.


La donna riseideva a Dignano, nei pressi di San Daniele del Friuli, in provincia di Udine. Secondo gli investigatori della Squadra mobile del capoluogo friulano è verosimile che l'uomo abbia ucciso la giovane nella serata di lunedì prima di presentarsi, la mattina dopo, alle forze dell'ordine per confessare tutto. Il papà di Nadia era molto preoccupato. "Pochi giorni fa mi ha riferito il suo timore per questo fidanzato che aveva descritto come possessivo e geloso" - ha detto un anziano cugino della vittima - "Si era perfino commosso fino alle lacrime non sapendo come risolvere, dopo che la figlia gli aveva confidato il proprio disagio. Nemmeno sentisse che stava per verificarsi un simile epilogo".


Nadia Orlando era molto amata in paese e si prodigava per la comunità di Dugnano, dove lavorava molto per la parrocchia. Anche il sindaco di Dignano, Riccardo Zuccolo, ha espresso il suo cordoglio. Per garantire tranquillità ai parenti, ha firmato un'ordinanza urgente con cui vieta l'accesso alla strada dove si trova l'abitazione di famiglia, meta di un triste pellegrinaggio a piedi di tanti amici e parenti.