Il braccialetto Amazon? Le cassiere del supermercato lo portano già

La denuncia arriva dall'Usb che punta l'indice contro il sistema di elaborazione elettronica delle aziende della Gdo con cui si calcola la produttività oraria di una cassiera

Il braccialetto Amazon? Le cassiere lo portano già

Il braccialetto Amazon? Le cassiere lo portano già

globalist 6 febbraio 2018

Le cassiere dei supermercati un braccialetto simile, anche se invisibile, lo indossano già. La denuncia arriva dall'Usb che punta l'indice contro il sistema di elaborazione elettronica delle aziende della Gdo con cui si calcola la produttività oraria di una cassiera: quanti prodotti all'ora passa sullo scanner, quant'è lo scontrino medio, quante promozioni e così via.


"Ebbene sì. Ieri mi è stata controllata la media cassa a fine turno. La responsabile sostiene che dobbiamo avere una media superiore ai 27 articoli battuti al minuto. La mia ieri è stata di poco superiore ai 29. Sono nella media insomma. Poco importa se sono prima cassa dalle 8.00 alle 13.30 o dalle 14.15 alle 20. Poco importa di come vengono calcolati i tempi morti rispetto a una collega seconda cassa che viene chiamata a smaltire all'occorrenza e pertanto, in proporzione, si fa un numero nettamente inferiore di clienti e matematicamente ha quindi meno tempi morti che pesano sulla media. Più stai in cassa, infatti, più ci sono tempi 'morti' da smaltire", racconta Alice al sindacato che gira l'intervista in una nota.


"Con i tempi morti intendo storni e annulli da effettuare, codici EAN da digitare a mano, frutta e verdura da pesare, le etichette del pane sempre sbiadite con numeri poco chiari, clienti che mentre guardano lo schermo si accorgono che il prezzo non corrisponde a quello esposto, clienti che a un tratto si ricordano del bicarbonato, della carta fedeltà, del bancomat o del compleanno della prozia alla quale regalare i biscotti in latta… E se tu, prima cassa, non sei abbastanza celere da stoppare lo scontrino con il tastino #enter, la media si abbassa inesorabilmente", racconta ancora Alice. Il bracciale elettronico dunque conclude l'Usb "esisteva già, prima del brevetto Amazon. Non si vedeva, ma c’era. E si allacciava stretto in quella zona grigia che viaggia ai confini della legalità".