Cielo nuvoloso sul Pianeta rosso

Il rover Nasa ha osservato sul cielo di Marte formazioni nuvolose simili ai cirri terrestri. Le immagini sono le più nitide mai riprese dalla missione

Le immagini riprese da Curiosity

Le immagini riprese da Curiosity

Filamenti bianchi di nubi che ricordano i cirri terrestri si muovono sopra il cielo di Marte. Li ha catturati la Navcam a bordo del rover Curiosity, in due sequenze di immagini pubblicata dalla Nasa.


Si tratta del ritratto più nitido di questo tipo di nubi realizzato ad oggi da Curiosity, atterrato cinque anni fa sul suolo marziano, nei pressi dell’equatore. Nuvole in movimento erano state già avvistate dal rover e da altre missioni marziane, tra cui il lander Phoenix, nove anni fa sopra la regione artica.


La sequenza è formata da due set di otto immagini scattate il 17 luglio scorso nelle prime ore del mattino. Per la prima ripresa, la camera Navcam ha puntato direttamente verso il cielo.



Il secondo set è stato invece realizzato inquadrando l’orizzonte in direzione sud. Le immagini sono state poi lavorate e velocizzate.



Un’altra sessione di riprese è stata effettuata a mezzogiorno dello stesso giorno senza registrare la presenza di nubi.


L’orbita ellittica di Marte fa sì che la distanza del pianeta del Sole vari molto rispetto a quanto non avvenga per la Terra. Nello scorso anno marziano una fascia nuvolosa era apparsa vicino all’equatore quando Marte si trovava nel punto più distante dal Sole. Le immagini attuali, invece, sono state scattate due mesi prima, piuttosto in anticipo, quindi, sulla stagione, perché si potessero osservare nubi di questo tipo.


«E’ probabile che le nuvole siano composte da cristalli di ghiaccio d’acqua che si condensano su grani di polvere quando entrano nelle zone fredde dell’atmosfera», spiega John Moores dell’Università di York, Toronto, membro del team di Curiosity.


«I filamenti si formano nel momento in cui quei cristalli cadono ed evaporano in strutture note come cirrus fibratus o cirrus uncinus”. Curiosity non è in grado di misurare l’altitudine di queste nuvole, ma sulla Terra sappiamo che si formano oltre i 6000 metri di quota».