Globalist:
domenica 27 luglio 2014 21:13
Gli abusi sui minori fanno parte di un meccanismo perverso collegato al sistema di potere ecclesiastico. E' quanto rivela un libro inchiesta firmato da Federico Tulli.


Diritti e Rovesci

Cassazione: diffamatorio rivelare dati sensibili quali l'omosessualità

Per la Cassazione è diffamatorio rivelare l'omosessualità di una persona: non un caso di omofobia ma di normale tutela della privacy. Salvo, beninteso, il diritto di cronaca.

Cagliostro
sabato 4 agosto 2012 09:17

Nei giorni scorsi, la Corte di Cassazione con la sentenza 30639/2012 ha stabilito che è diffamatorio rivelare la presunta omosessualità di una persona identificabile senza il consenso di quest'ultima: questa sentenza è coerente con un percorso - nell'ambito della privacy - fatto di norme e codici deontologici iniziato nel 1996.
Questi i fatti: un giornale locale aveva riportato la notizia della separazione di due coniugi adducendo come causa una presunta relazione omosessuale extraconiugale del marito. Il giornale non aveva riportato i nomi dei coniugi ma erano presenti altri dati che aiutavano ad identificare facilmente i protagonisti della storia come le iniziali, le professioni ed il paese in cui era avvenuto il fatto.
La persona interessata si era sentita diffamata dall'articolo ed aveva denunciato il giornale: la controversia è arrivata in Cassazione che ha dato ragione al querelante.

Bisogna specificare che - dalla legge 675/96 (detta legge sulla privacy) in poi (d.lgs. 196/2003 e d.lgs. 69/2012) - la vita sessuale (omosessualità ma non solo) rientra tra i dati sensibili dell'individuo (art. 22 legge 675/1996) e queste informazioni non possono essere trattate senza il consenso scritto dell'interessato.
Ovviamente al tempo si è posto il dubbio se i cosiddetti "dati sensibili" (vita sessuale, stato di salute, convinzioni politiche, origini etniche) potessero essere oggetto delle inchieste dei giornalisti: in sostanza i giornalisti avevano il diritto di rivelare dati sensibili come la vita sessuale dell'individuo o bisognava proteggere la privacy dell'interessato? La legge 675/1996 ha richiesto (art. 25) al Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti di dotarsi di un proprio codice deontologico che è stato presentato al Garante della Privacy nel 1998 (Codice di deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell'esercizio dell'attività giornalistica).
Il codice deontologico è molto breve ed è composto solo da tredici articoli.

Uno di questi (art. 11) è attinente al caso specifico. Infatti prevede che «Il giornalista si astiene dalla descrizione di abitudini sessuali riferite ad una determinata persona, identificata o identificabile»: nel caso specifico invece la persona era identificabile facilmente come ha stabilito la Cassazione.
Inoltre - sempre all'articolo 11 del Codice deontologico - si prescrive che «la pubblicazione è ammessa nell'ambito del perseguimento dell'essenzialità dell'informazione e nel rispetto della dignità della persona se questa riveste una posizione di particolare rilevanza sociale o pubblica».
La Cassazione ha stabilito invece che la relazione del querelante «è una situazione di fatto riconducibile alle scelte di vita privata» della parte lesa, quindi «non ha alcun rilievo sociale (almeno nella attribuzione del fatto a una persona ben individuata o facilmente individuabile) con la conseguenza che l'articolo in questione potrebbe aver violato, ad un tempo, la privacy della persona offesa e - attraverso tale violazione - la reputazione della stessa».

Tutto ciò significa che un "comune mortale" (ossia che non riveste una posizione pubblica) ha il diritto a vedere tutelati i propri "dati sensibili" (come la vita sessuale) perché non esiste un prevalente "diritto di cronaca" da parte del giornalista: tra i dati sensibili le citate leggi includono la vita sessuale in tutte le sue forme.
Perciò la Cassazione - nella sua sentenza - non ha giudicato se l'omosessualità fosse un elemento diffamatorio tale da ledere l'onore di una persona ma ha solamente valutato se il querelante fosse identificabile e se esistesse un diritto di cronaca: nello specifico il querelante era identificabile, non esisteva nessun diritto di cronaca che giustificasse questa identificabilità (il querelante non era una persona pubblica) ed erano stati rivelati dei dati sensibili come la vita sessuale. Anche se la relazione extraconiugale invece di essere di natura omosessuale fosse stata di natura eterosessuale, ci sarebbe stato ugualmente il reato di diffamazione.

Ovviamente questo vale solo per persone che non hanno una rilevanza sociale o pubblica. Se si scoprisse - ad esempio - che un noto politico contrario da sempre ai diritti delle coppie omosessuali ha egli stesso una relazione omosessuale allora questo fatto assumerebbe rilievo sociale e quindi ci sarebbe "diritto di cronaca" e si potrebbe riportare il fatto con tanto di nomi e cognomi.

Cagliostro

Home