Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
sabato 27 giugno 2015 21:28
Le presunte aperture del papa progressista, come viene definito, rafforzano l'anacronismo cattolico: lo stato di diritto resta sempre il primo nemico della Chiesa.


Breviario

Genova, la fecondazione assistita fa le valigie

Succede all'ospedale Galliera del capoluogo ligure, struttura pubblica ma amministrata da privati. A capo dei quali c'è, udite udite, il cardinal Bagnasco.

Belinda Malaspina
venerdì 10 agosto 2012 13:41

L'ospedale Galliera di Genova è un mostro bicefalo. Pur essendo una struttura pubblica, viene gestito da un ente privato il cui presidente, indovina indovinello ma non è difficile, risulta essere il cardinale Angelo Bagnasco in persona.

La testa religiosa deve evidentemente essere cresciuta a dismisura: al punto tale che l'oppressa testa civile, rappresentata dalla giunta regionale ligure che tra parentesi risulta di centrosinistra, ha deciso di trasferire il servizio di fecondazione assistita al più accogliente Ospedale evangelico internazionale, nosocomio protestante che si era già fatto carico delle interruzioni di gravidanza ivi traslocate sempre dal Galliera. Prestazioni pubbliche da mal di capo: figuriamoci per chi di teste ne ha due.

«Dunque il trono piegar dovrà sempre all'altare» avevano ammonito Schiller e, dopo di lui, Giuseppe Verdi nella fosca storia del Don Carlos, ambientata nell'inquisitoria Controriforma. La temperie sociale che più piace a Bagnasco: di sicuro il porporato la preferisce al più semplice ed attuale diritto di tutti i cittadini di chiedere, ad un ospedale pubblico, un servizio che da oggi non può più fornire. Ma tant'è.

Belinda Malaspina

Home


Le immagini pubblicate su Cronache Laiche sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l'autore o la riproduzione riservata.
Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore basta scrivere una email alla redazione e verranno immediatamente rimosse.