Globalist:
lunedì 20 ottobre 2014 16:43
Nonostante le strombazzate aperture, la prima fase del Sinodo dei vescovi si chiude con un nulla di fatto. Sullo sfondo, la beatificazione di un tenace conservatore: Paolo VI.


Diritti e Rovesci

L'obiezione di coscienza era una cosa seria

Il Comitato nazionale di Bioetica dichiara che l'obiezione di coscienza è un diritto costituzionale. Di quali coscienze e di quali leggi stiamo parlando?

Alessandro Chiometti
mercoledì 1 agosto 2012 09:06

C'era un tempo in cui l'obiettore di coscienza scontava sulla sua pelle il peso delle proprie scelte etiche insindacabili. Erano i tempi in cui il servizio militare di leva era obbligatorio e costringeva tanti ragazzi a sprecare un anno (e anche di più nei primi decenni della Repubblica) della loro vita per imparare cose (sparare, marciare e il nonnismo principalmente) che non gli sarebbero, probabilmente, mai servite.
I primi obiettori di coscienza a questa usanza barbara scontavano sulla loro pelle la decisione presa con il carcere e l'interdizione perpetua all'accesso nei corpi militari o di polizia dello Stato (in questi erano inclusi anche i Forestali e i Vigili Urbani); quest'ultima limitazione è peraltro ancora in vigore a meno che non si rinunci irrevocabilmente al proprio status.
Altri casi di obiezione di coscienza sono quelli che alcuni esponenti del movimento non violento fanno rifiutandosi di pagare quella quote delle tasse che lo Stato italiano devolve agli armamenti. Le conseguenze per costoro sono immediate, sequestro e pignoramento dei beni mobili e immobili.

Oggi il Comitato nazionale di Bioetica (Cnb) ci dice che l'obiezione di coscienza è diventata diritto costituzionale, perché si preoccupa di salvaguardare i medici chirurghi, anestesisti e ginecologi che boicottano la legge 194/78 sull'aborto.
C'è qualcosa che non torna.
L'obiettore di coscienza che ha svolto regolarmente il servizio civile prima del 2004 (anno in cui la leva obbligatoria è stata abolita) non può tutt'ora avere accesso a quei posti pubblici che prevedono l'uso delle armi (anche in via del tutto ipotetica come i il Corpo forestale), mentre altri possono pretendere di farsi assumere dal Ssn ben sapendo che l'aborto nel nostro paese è legale?
Risulta evidente che qualcuno ha le idee confuse, ci permettiamo di pensare che non siamo noi e per dimostrarlo esaminiamo tre immediate conseguenze di questa "uscita" del Cnb.
Conseguenza numero uno: se è un diritto costituzionale l'obiezione di coscienza, è abbastanza chiaro che non ci possono essere coscienze di serie A e coscienze di serie B; quindi è evidente che se qualcuno ritiene non etico che lo Stato italiano devolva parte delle sue tasse agli armamenti è ben legittimato a non pagare quella quota di tasse. Senza pignoramenti e senza discriminazioni di altro tipo.
Ma andiamo avanti, conseguenza numero due: data la premessa del Cnb, risultano quantomeno ridicole tutte le posizioni da questo espresse contro l'autodeterminazione dell'individuo, contro i testamenti biologici e contro l'eutanasia. È ben ovvio che ogni legge che voglia regolamentare ciò che rientra nel campo di una scelta etica, e sfidiamo chiunque a dire che il rifiuto delle cure o la richiesta di aiuto per porre fine alle proprie sofferenze non lo siano, può essere a questo punto aggirata con l'obiezione di coscienza. Se domani l'approvazione del decreto Calabrò si aggiungesse alla lunga liste di nefandezze legislative degli ultimi anni è ovvio che, secondo quanto sostenuto dal Cnb, si può fare obiezione di coscienza a quella legge e chiedere immediatamente la sospensione di qualsiasi cura o terapia.
Concludiamo con la conseguenza numero tre: è altrettanto ovvio che se di diritti costituzionali si parla non ci può essere nessuna legge che dica verso quali altre leggi è possibile esercitare l'obiezione di coscienza e quali no (per una logica oseremmo dire lapalissiana). Il risultato è che chiunque potrebbe esercitare l'obiezione di coscienza nel suo lavoro senza che nessuno possa dirgli alcunché; il farmacista cattolico può rifiutarsi di vendere preservativi e anticoncezionali nonostante faccia un servizio pubblico, il cuoco musulmano si rifiuterà di cucinare carne di maiale, il bibliotecario ateo di dare in prestito libri di autori cattolici e così via.
Abbiamo esagerato? No, esagera chi vuole in ogni modo aggirare le leggi dello Stato che non gli garbano e ha la pretesa che la sua etica sia quella giusta.
Di una cosa dobbiamo dar atto al Cnb: nello stesso documento afferma che il servizio dello Stato deve essere garantito nonostante il diritto all'obiezione di coscienza, la dimostrazione che anche gli orologi rotti segnano l'ora giusta due volte al giorno. Infatti non dice come lo Stato dovrebbe garantire questo servizio se la quasi totalità dei medici è obiettore e per legge la scelta etica non può essere discriminante concorsuale.
Cosa pretendere da un orologio rotto?

Alessandro Chiometti

Home

Commenti
  • elisabetta 02/08/2012 alle 16:39:58 rispondi
    Allora anche il medico testimone di geova può rifiutarsi di prescrivere o fare una trasfusione a un paziente? Come la metteremmo qui?
    Infatti mi piacerebbe proprio che il CNB dicesse come si tutelerà il diritto delle donne a una scelta libera e consapevole sul proseguire o meno una gravidanza se tutti i medici (e non solo, dovete contare anche gli infermieri e le ostetriche) saranno obiettori....per favore CNB, ce lo dica!!

    un'ostetrica non obiettrice
  • elisabetta 02/08/2012 alle 16:39:58 rispondi
    Allora anche il medico testimone di geova può rifiutarsi di prescrivere o fare una trasfusione a un paziente? Come la metteremmo qui?
    Infatti mi piacerebbe proprio che il CNB dicesse come si tutelerà il diritto delle donne a una scelta libera e consapevole sul proseguire o meno una gravidanza se tutti i medici (e non solo, dovete contare anche gli infermieri e le ostetriche) saranno obiettori....per favore CNB, ce lo dica!!

    un'ostetrica non obiettrice

Le immagini pubblicate su Cronache Laiche sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l'autore o la riproduzione riservata.
Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore basta scrivere una email alla redazione e verranno immediatamente rimosse.