Globalist:
martedì 5 agosto 2014 12:28
Bilanciare l'esercito dei volontari armati con uno, molto più consistente, di volontari disarmati, permetterebbe di gestire i conflitti senza rischi per la democrazia.


Mal/Costume

Un deretano verde-petrolio

Alla prima dell'Olandese Volante la Merkel esibisce un inconsueto abito che, si spera, porterà fortuna all'Europa in piena crisi economica.

Belinda Malaspina
venerdì 27 luglio 2012 18:36

Abbandonato il consueto tailleur d'ordinanza, in ben altra mise la cancelliera tedesca Angela Merkel è apparsa alla prima dell'Olandese Volante al festival wagneriano di Bayreuth; la prima della prime, equivalente, sull'italico suolo, al famigerato 7 dicembre quando a Milano si inaugura la stagione scaligera. Lo scenario in effetti è simile, ma da noi i politici, ormai avvezzi all'eleganza di alto bordo, non fanno più notizia quando sbarcano alla prima della Scala.
Il gossip risparmia i nostrani olandesi volanti: navi fantasma, secondo la leggenda ripresa da Wagner, condannate a veleggiare incessantemente fino al giorno del giudizio.
Ben altra temperie in Germania, dove la Merkel ha abituato il popolo ad un giudizio meno ultraterreno e senz'altro più corrispondente alla moda austera che la cancelliera segue nelle occasioni ufficiali. Ma l'atmosfera fatata del festival wagneriano, tra bianchi cigni e suggestioni di fine Ottocento, deve aver compiuto almeno uno dei miracoli attesi dall'Europa intera: ossia un ammorbidirsi del rigore tutto germanico che ha contraddistinto il governo Merkel.

Peccato solo che il miracolo in questione non abbia riguardato il calo dei disoccupati o la ripresa dell'economia del vecchio continente, bensì una frivola faccenduola di costume: il teutonico deretano della Merkel, cui certi politici nostrani avrebbero riservato ingiusti complimenti non esattamente da galantuomini, è apparso per una volta ammantato entro un favoloso abito da grande star anziché entro il solito quantunque elegantissimo tailleur di cui sopra, con addirittura una simpatica pochette in tinta che ci si immagina piena di euro. Mentre di spread e ripresa economica, purtroppo, tra note, spartiti, eroi germanici, belle donne dalle lunghe trecce bionde e navi volanti, in teatro ovviamente non si è parlato.
Pazienza: resta da sperare che il colore del vestito presidenziale, un deciso verde-carburante, porti fortuna all'Europa e la guidi letteralmente fuori da un crisi per la cui risoluzione serve ben altro che un operistico vascello fantasma.



Belinda Malaspina

Home

Commenti
  • LB 28/07/2012 alle 10:03:16 rispondi
    il commento all'abito della Merkel
    E' comprensibile commentare l'operato di Angela merkel; altri commenti sulle sue forme sarebbe bene rimanessero caratteristica di certi personaggi. Che una donna, solo perché ha avuto la fortuna di possedere un altro aspetto fisico lo faccia, lo trovo molto antiquato. Battuta infelice
  • Sergej 29/07/2012 alle 11:32:26 rispondi
    Che una donna, indipendentemente dal proprio aspetto fisico, commenti l'aspetto di un'altra donna senza peraltro scadere in giudizi volgari, anzi stigmatizzando i pessimi precedenti maschili, mi sembra naturale e corretto. Commento infelice.

Le immagini pubblicate su Cronache Laiche sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l'autore o la riproduzione riservata.
Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore basta scrivere una email alla redazione e verranno immediatamente rimosse.