Globalist:
lunedì 24 novembre 2014 17:26
Un saggio che ripercorre la storia della sinistra italiana dal secondo dopoguerra. Una storia contorta, segnata dai compromessi con l'ideologia religiosa dominante


Breviario

Beati i poveri, ma non in Italia

Torna, secondo l'Istat, lo spauracchio povertà: nel Belpaese a rischio una famiglia su cinque.

Belinda Malaspina
martedì 17 luglio 2012 11:17

L'Istat ha pubblicato il rapporto 2011 sulla povertà, secondo il quale «rispetto all'anno precedente nel 2011 c'è una sostanziale stabilità della povertà relativa, che deriva dal peggioramento del fenomeno delle famiglie in cui non vi sono redditi da lavoro o vi sono operai, compensato dalla diminuzione della povertà delle famiglie di dirigenti e impiegati».
Una tendenza da Sudamerica, insomma, dove i ricchi sono sempre più ricchi e gli indigenti sempre più indigenti. In specie al sud Italia; ma il fenomeno è in crescita un po' in tutto lo Stivale, e forse c'era da aspettarselo.

Attualissime le parole di Gesù «beati i poveri», dunque, per uno Stato dove i poveri saranno anche beati ma di sicuro, visto l'ammontare dei beni vaticani, i beati non sono poveri. Una semplice redistribuzione dei beni sarebbe dunque auspicabile: ma chi va a dirlo al professor Monti, impegnato a farci digerire ben altre e ben più accademiche categorie economiche?

Belinda Malaspina

Home


Le immagini pubblicate su Cronache Laiche sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l'autore o la riproduzione riservata.
Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore basta scrivere una email alla redazione e verranno immediatamente rimosse.