Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
mercoledì 8 marzo 2017 12:04
La violenza sulle donne non è solamente fisica ma si declina in uno spettro variegatissimo di comportamenti.
La terra dei papi


Diritti e Rovesci

Il Fisco nella capannina

Anche la Corte di Cassazione conferma che il Vaticano gode di privilegi fiscali "sleali". Un quarto Re Mago dovrebbe aggiungersi al presepe quest'anno.

Paolo Izzo
venerdì 16 dicembre 2016 21:43

A partire dai Patti Lateranensi del 1929, non si può nemmeno quantificare la somma esatta che il Vaticano ha incassato dal nostro Stato, visto che a oggi l'esborso italiano annuo supera i sei miliardi di euro. Come se non bastasse, l'enclave più ricca del mondo aggira il nostro Fisco in vari modi. Se ne è accorta anche la Corte di Cassazione, che ha dato ragione al ricorso della Agenzia delle Entrate nei confronti di un pensionato femminile torinese che, in virtù della promiscuità abitativo-confessionale che già consente agli enti religiosi di non pagare Imu, Tasi e Tarsi, non versava neanche il giusto importo di Ires.

Siccome la stessa Cassazione sostiene che quel risparmio si traduce in «aiuto di Stato», torniamo al punto di partenza. La genuflessione preventiva delle istituzioni nostrane, cioè, va ben oltre i Patti Lateranensi e consente alle gerarchie ecclesiastiche di evadere milioni di euro (nella sola Capitale sono circa venti): per questo da tempo invoco che lo stesso papa Bergoglio - molto sensibile al tema - emani un "motu proprio" per sanare l'irregolarità. Oltre ai Magi, con incenso, mirra e soprattutto oro, da quest'anno alla "capannina" arrivi anche l'agente della riscossione.

Paolo Izzo

Home


Le immagini pubblicate su Cronache Laiche sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l'autore o la riproduzione riservata.
Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore basta scrivere una email alla redazione e verranno immediatamente rimosse.