Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
mercoledì 8 marzo 2017 12:04
La violenza sulle donne non è solamente fisica ma si declina in uno spettro variegatissimo di comportamenti.
La terra dei papi


Ragione e Pregiudizio

Fecondazione assistita, embrioni versus persone

La Corte costituzionale conferma il divieto di ricerca scientifica sugli embrioni crioconservati non idonei alla gravidanza.

Paolo Izzo
giovedì 24 marzo 2016 12:38

Due mesi dopo essere stato eletto papa, Jorge Mario Bergoglio si affacciò da una finestra del suo Stato su una piazza del nostro Stato e sentenziò: rispetto per la vita umana sin dal concepimento e tutela giuridica dell'embrione! Doveva essere la festa della mamma, quella domenica 12 maggio del 2013, invece si percepirono chiaramente nutrite schiere di zigoti e blastocisti che brindavano nel caldo di grembi femminili o nel freddo di un congelatore di laboratorio.

Oggi la Corte costituzionale ha recepito quel perentorio messaggio di papa Francesco confermando il divieto, previsto dalla legge 40, di donare alla ricerca scientifica gli embrioni non idonei per una gravidanza, ma crioconservati in Italia. Anzi, la Consulta ha demandato al Parlamento ogni decisione in merito, in quanto il tema è troppo eticamente sensibile. Eppure si sa quanto il nostro Stato sia lento, quando non "vegetativo", sulle leggi che hanno a che vedere direttamente con nascita e morte... Dobbiamo immaginare un presidio straordinario di embrioni che discuteranno, in nome della vita, la sorte di donne, uomini, bambini e malati, cioè: specie inferiori di vita umana?

Paolo Izzo

Home


Le immagini pubblicate su Cronache Laiche sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l'autore o la riproduzione riservata.
Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore basta scrivere una email alla redazione e verranno immediatamente rimosse.